Biot.it Utilizza cookies tecnici e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se prosegui nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsenti all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

  

Cookies di terze parti

Il presente sito funge anche da intermediario per cookies di terze parti, utilizzati per poter fornire ulteriori servizi e funzionalità ai visitatori e per migliorare l'uso del sito stesso, come i pulsanti per i social, oppure video. Questo sito non ha alcun controllo sui cookie delle terze parti, interamente gestiti dalle terze parti. In conseguenza di ciò le informazioni sull'uso dei detti cookies e sulle finalità degli stessi, nonché sulle modalità per l'eventuale disabilitazione, sono fornite direttamente dalle terze parti alle pagine indicate di seguito.

In particolare il presente sito utilizza cookies delle seguenti terze parti:

Google Analytics: uno strumento di analisi di Google che attraverso l'uso di cookies (performance cookies), raccoglie dati di navigazione anonimi (IP troncati all'ultimo ottetto) ed esclusivamente aggregati allo scopo di esaminare l'uso del sito da parte degli utenti, compilare report sulle attività nel sito e fornire altre informazioni, compreso il numero dei visitatori e le pagine visitate. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo Ip a nessun altro dato posseduto da Google. I dati trasmessi a Google sono depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. 
In base a specifico accordo con Google, che è designato quale responsabile del trattamento dei dati, questi si impegna a trattare i dati in base alle richieste del Titolare (vedi in fondo all'informativa), impartite tramite le impostazioni del software. In base a tali impostazioni le opzioni pubblicitarie e di condivisione dei dati sono disattive.

Ulteriori informazioni sui cookies di Google Analytics si trovano alla pagina Google Analytics Cookie Usage on Websites

 L'utente può disabilitare in modo selettivo la raccolta di dati da parte di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposito componente fornito da Google (opt out). 

 

Youtube: una piattaforma di proprietà di Google, per la condivisione di video, che utilizza cookie per raccogliere informazioni degli utenti e dei dispositivi di navigazione. I video presenti nel sito non veicolano cookie all'accesso della pagina, essendo stata impostata l'opzione "privacy avanzata (no cookie)" in base alla quale YouTube non memorizza le informazioni sui visitatori a meno che essi non riproducano volontariamente il video. 

cookie: test_cookie .doubleclick.net non è un cookie permanente, ma è utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie.

Per ulteriori informazioni sull'uso dei dati e sul loro trattamento da parte di Google si raccomanda di prendere visione delle informazioni all'apposita pagina predisposta da Google, e alla pagina sulle Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei partner

 

Plugin Social Network

Il presente sito incorpora anche plugin e/o bottoni per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all'accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l'utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l'utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all'uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell'iscrizione al social network.
La raccolta e l'uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook - (link informativa cookie)
Twitter - (link informativa cookie)
LinkedIn - (link informativa cookie)
Google+ - (link informativa cookie). 

 

Trasferimento di dati in paesi extra UE

 Il presente sito potrebbe condividere alcuni dei dati raccolti con servizi localizzati al di fuori dell'area dell'Unione Europea. In particolare con Google, Facebook e Microsoft (LinkedIn) tramite i social plugin e il servizio di Google Analytics. Il trasferimento è autorizzato in base a specifiche decisioni dell'Unione Europea e del Garante per la tutela dei dati personali, in particolare la decisione 1250/2016 (Privacy Shield - qui la pagina informativa del Garante italiano), per cui non occorre ulteriore consenso. Le aziende sopra menzionate garantiscono la propria adesione al Privacy Shield. 

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

News ed Eventi

MEDICINA RIGENERATIVA: IL PRIMO RENE IN PROVETTA

Il trapianto renale è l'impianto di un rene donato da un soggetto sano ad un paziente con Malattia Renale Cronica allo stadio terminale. Il trapianto è un tema molto importante per tutte quelle migliaia di persone presenti nel mondo affette da Malattia Renale Cronica. A chi riceve un rene da un donatore viene offerta la speranza di vivere più liberamente e con minori restrizioni dietetiche.

EQUILIBRIO ALLA BASE DELLA COMUNICAZIONE: LE SINAPSI SI AUTOREGOLANO

Quali sono le cellule che comunicano ed elaborano tutte le informazioni del nostro cervello?

Si ritiene che siano i neuroni i principali attori dell’elaborazione dell’informazione nel cervello, in grado di percepire i cambiamenti nell’ambiente, di comunicarli agli altri neuroni e di innescare la risposta del corpo a tali sensazioni, realizzando così le funzioni specifiche del cervello.

PRIMA OSSERVAZIONE DIRETTA DI UN DECADIMENTO NUCLEARE

Per mezzo secolo, la nostra visione del mondo si è basata sul modello standard della fisica delle particelle. Tuttavia, questa visione è stata messa in discussione dalle numerose scoperte che hanno messo in luce l’esistenza di particelle differenti per composizione e carica costituenti la “materia oscura” invisibile nell'universo.

INSONNIA: A SUPPORTO LA TERAPIA DEL BIOFEEDBACK

L’insonnia è la forma più comune di tutti i disturbi del sonno ed interessa saltuariamente ogni anno più del 40% della popolazione. Viene definita come la capacità del soggetto di percepire un sonno inadeguato e/o insufficiente che sfocia in una ridotta qualità, durata o efficienza del sonno. E’ caratterizzata inoltre da almeno uno dei seguenti sintomi: difficoltà ad iniziare il sonno o a mantenerlo, risveglio precoce mattutino e sensazione di sonno non ristoratore.

MATERIA E ANTIMATERIA: COME CONVIVONO NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Grande è stato il dibattito tra gli scienziati fino a questo momento, divisi sulla tesi di chi sosteneva che antimateria e materia non potessero convivere nello stesso spazio e nello stesso tempo.

Secondo la teoria del Big Bang il contenuto di materia e antimateria inizialmente presente nell’universo doveva essere identico, ma attualmente, gli scienziati iniziano a sospettare che materia e antimateria possano presentare proprietà leggermente diverse, tra cui quelle legate ai processi di decadimento delle particelle. Con la scoperta del Bosone di Higgs si conferma questo sospetto e, per la prima volta, si ha la possibilità di osservare molto più da vicino i segreti della materia, dove –come in uno specchio – le particelle hanno la stessa massa ma carica opposta.

ONDE ELETTROMAGNETICHE: QUALI SICURE - QUALI NO

Le onde elettromagnetiche -EM- sono oggi massicciamente presenti negli ambienti in cui viviamo dal momento che costituiscono il veicolo di informazione più utilizzato dal radiotelevisivo fino alla telefonia mobile.  Tra l’opinione pubblica però emerge sempre di più una confusione in merito alle differenti tipologie di onde prodotte dai campi elettromagnetici. A tale proposito risulta necessario cercare di fare un po' di chiarezza.

TERAPIA PAPIMI-ENERPULSE: NUOVA STRATEGIA PER LA RIPARAZIONE OSSEA

L’osso è un tessuto connettivo caratterizzato da una notevole durezza, resistenza e contraddistinto da molteplici funzioni. Lo scheletro provvede a proteggere gli organi interni, a fornire un supporto al tessuto muscolare e a garantire una funzione emopoietica. Dal punto di vista microscopico, le ossa sono costituite per il 30% da una matrice organica e per il restante 70% da una inorganica: la prima è costituita da fibre di collagene e glicoproteine, mentre la seconda da una matrice inorganica che conferisce forza e resistenza al tessuto.

SINDROME DEL COLON IRRITABILE: IL MICROBIOTA COME POSSIBILE CAUSA

 

La sindrome dell’intestino irritabile, nel nostro paese chiamata ancora impropriamente “colite”, è un disturbo che colpisce circa il 10-15% della popolazione adulta di tutto il mondo. Può essere definita come un disturbo cronico e ricorrente delle funzioni dell’apparato gastrointestinale, che interessa colon e intestino tenue con ripercussioni sulle funzioni motorie, sulla sensibilità dolorosa e sulla secrezione di liquidi. Tutte queste attività del tratto digerente (motilità, sensibilità e secrezione) sono regolate dal cervello, che in particolari condizioni può interagire in maniera impropria e anomala con l’intestino, motivo per cui l’IBS viene spesso chiamata anche disturbo dell’asse cerebro-intestinale.  

ESAURIMENTO EMOTIVO DA LAVORO-SINDROME DI BURNOUT

Pur non essendoci ancora una definizione universalmente accettata con il termine burnout si indica una “sindrome complessa, a componente prevalentemente psichica, che si instaura come risposta a una condizione di stress lavorativo prolungato”.  Tale termine si diffuse a metà degli anni 70 in USA, in riferimento ad una situazione osservata con frequenza negli operatori dei servizi sociali: atteggiamento di nervosismo e irrequietezza, apatia, indifferenza, cinismo verso il proprio lavoro. 

UN NUOVO INCONTRO: LA MEDICINA QUANTISTICA

I primi decenni del secolo scorso sono stati caratterizzati da incredibili cambiamenti in ambito scientifico, dal momento che sono emerse nuove evidenze a livello scientifico che hanno portato ad un vero e proprio cambiamento di pensiero, mettendo in crisi, ridimensionando e modificando i principi della fisica classica. Nel dettaglio l’evoluzione più grande si è avuta con lo sviluppo della teoria della relatività e della fisica quantistica hanno modificato la concezione della realtà e dell’universo e hanno portato una conseguente evoluzione nell'ambito tecnologico con lo sviluppo di nuove applicazioni soprattutto in campo medico. Un semplice esempio è l’evoluzione dei computer, della telefonia, della tecnologia sanitaria (TAC, RM, PET), prevalentemente dovuto all'applicazione della fisica quantistica e dell’integrazione delle teorie quantistiche in biologia, in medicina e in psicologia.  E’ solo introno agli anni Settanta che, la medicina, la biologia e la psicologia hanno iniziato cautamente, e tra molte resistenze, a confrontarsi con alcuni dei nuovi principi teorici arrivando persino a parlare di medicina quantistica.

ONDE ELETTROMAGNETICHE: NUOVI RISCHI PER L’ERA TECNOLOGICA

Con il progredire dell’industrializzazione e l’aumento delle tecnologie si è osservata una crescita smisurata delle sorgenti di campi magnetici dovuti a tutti i dispositivi elettronici (smartphone, Tablet, computer portali) da cui non ci separiamo mai. Possiamo affermare che questi dispositivi sono stati in grado di semplificare le nostre vite rendendole più semplici e smart ma, allo stesso tempo, non è possibile affermare che abbiano reso la nostra vita più sicura. Numerosi infatti, sono i dubbi emersi sui possibili rischi sanitari dovuti ai campi elettromagnetici che vengono emessi dai dispositivi stessi.

CAMPI ELETTROMAGNETICI PULSATI: NUOVE APPLICAZIONI TERAPEUTICHE NELLE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI

 Tutte le disfunzioni a carico del cuore e dei vasi sanguigni rientrano nella definizione generale di patologie cardiovascolari, come ad esempio cardiopatie congenite, infarti acuto del miocardio, aritmie, ipertensione arteriosa sistemica, ictus etc. Numerosi sono i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari alcuni più tradizionali come >l’età, il sesso, l’ipertensione arteriosa, il consumo di tabacco e lo stile di vita, l’ipertrofia ventricolare sx, il Diabete Mellito di tipo 2 >ed altri meno tradizionali ma più specifici come l’uremia, l’infiammazione, lo stress ossidativo, la disfunzione endoteliale, la tossicità uremica ecc. Secondo European Cardiovascular Disease Statistics, esse rappresentano la prima causa di morte in Europa (47% delle morti totali) con maggiore prevalenza nei soggetti di genere femminile, con basso livelo socio-economico. Nel 2005 sono stati stimati oltre 4.3 milioni di morti per questa causa e per il 40% si trattava di morti premature sotto i 75 anni di età. 

LA BIORISONANZA COME TERAPIA A SUPPORTO DELL’ANORESSIA NERVOSA

E’ ampiamente dimostrato che situazioni di stress ed eventi importanti di vita possano influenzare negativamente le abitudini alimentari, sia nell’uomo che nell’animale.  Sono numerosi gli studi in letteratura a cui far riferimento: livelli tropo bassi di stress, ad esempio, possono indurre iperfagia, mentre alti livelli di stress cronico potrebbero portare ad una riduzione dell’assunzione di cibo.  Alcune ricerche hanno messo in evidenza che nei pazienti soggetti a stress acuto vi è un aumento dell’appetito, in particolar modo c’è la tendenza ad assumere cibi più grassi durante i periodi difficili della vita. 

ALLERGIE E STRESS: UN DOPPIO LEGAME

Le malattie autoimmuni e la reattività allergica sono condizioni patologiche causate da autoimmunità, ovvero da una reazione alterata del sistema immunitario dovuta a fattori multipli di tipo genetico ed ambientale. La principale caratteristica del sistema immunitario è quella di reagire con un’enorme varietà di antigeni diversi mediante recettori specifici. Normalmente il sistema immunitario è capace discriminare tra antigeni propri (self) e antigeni non propri, ma se i meccanismi di controllo falliscono il sistema immunitario può attaccare le cellule e i tessuti propri dando origine alla comparsa di malattie autoimmuni. La “rottura” dei meccanismi della tolleranza immunitaria verso il self può verificarsi a causa dell’attivazione di linfociti T e B self-reattivi oppure per alterazioni nella natura o nella presentazione degli antigeni da essi riconosciuti, determinando reazioni infiammatorie croniche nei tessuti target.

BIORISONANZA: ENERGIA PER L’ORGANISMO

La biorisonanza è un metodo di trattamento energetico appartenente alla medicina olistica, che vede la persona nel suo insieme e non come semplice somma dei singoli organi.  La tecnica è basata sul biofeedback, cioè si avvale dei segnali elettromagnetici naturalmente emessi dall'organismo (oppure, nello specifico, da un organo o da un sistema) al fine di generare un trattamento frequenziale che abbia lo scopo di ristabilire il corretto trasferimento di informazioni che regolano i processi vitali, eliminando al tempo stesso i segnali di disturbo e stimolando il corpo ad autoregolarsi al fine di affrontare al meglio eventuali disturbi funzionali. 

IL NUOVO SOFTWARE CHE CI REGISTRA I SOGNI

Cos’è il sogno?

E’ una delle prime domande che il mondo scientifico si è posto a cui non è ancora riuscito a dare una definizione univoca; infatti possiamo affermare che non esiste una definizione biologica universalmente accettata dei sogni. In generale il sogno è un fenomeno psichico legato al sonno, in particolare alla fase REM, caratterizzato dalla percezione di immagini e suoni riconosciuti come apparentemente reali. Dai diversi studi condotti in merito è stato possibile osservare una forte corrispondenza con la fase REM, in cui l'elettroencefalogramma rileva un'attività cerebrale paragonabile a quella della veglia.

STRESS DA LAVORO: COME VALUTARE IL RISCHIO

Oggigiorno il mondo del lavoro è caratterizzato da un crescente dinamismo e da una forte necessità di adattamento ai frequenti cambiamenti delle logiche politiche e di mercato.  Basti pensare a flessibilità, riorganizzazione, prolungamento (molto spesso non retribuito) dell’orario di lavoro reale, che rappresentano solo alcuni dei fattori che stanno influenzando profondamente lo scenario lavorativo con cui dobbiamo interfacciarci quotidianamente

L’HEART RATE VARIABILITY COME INDICE DI VALUTAZIONE DELLE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI

Il cuore è un organo muscolare che si contrae ritmicamente esplicando la sua funzione di pompaggio del sangue negli organi attraverso i vasi. Le sue pareti sono rivestite dal miocardio, tessuto che presenta caratteristiche anatomiche e funzionali sia del tessuto scheletrico che di quello muscolare liscio. Il sistema di conduzione dell'impulso cardiaco è costituito dalle componenti muscolari del miocardio che danno origine all'impulso stesso. Di questo sistema fanno parte il Nodo Seno-Atriale (S-A), sede di insorgenza del battito cardiaco in condizioni fisiologiche, il Nodo Atrio-Ventricolare (A-V), sulla parete destra del setto atriale, il fascio di His e le fibre di Purkinje che permettono la propagazione dello stimolo nei ventricoli. 

MEDCAM  ha presentato SaluScienza 2018
Rimanete sempre aggiornati

MEDCAM, Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche, è un progetto che ha lo scopo di creare un trait d'union tra tutte le principali discipline delle Medicine non Convenzionali, la Fisica Moderna e Quantistica, le Neuroscienze e la Biologia, promuovendo in un'unica sede la formazione, la pratica medica terapeutica e l'approfondimento scientifico.

Disclaimer

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.Ex D. lgs 46/1997.

Pertanto Bio-t S.r.l. autorizza i soli professionisti a procedere con la navigazione.

Privacy policy e note legali

Contatti

Bio-t S.r.l. Tecnologie per la Vita

Via A. Baldovinetti n.81
00142 Roma
Tel. +39 06.83086609 - 06.64522661
Fax. +39 06 83391913 - Mob. +39 3278566369 
email: info@biot.it - ingegneria@biot.it
www.enerpulse.it - www.medcam.it
www.inergetix.eu - www.saluscienza.it

Certificazioni

                
Registrati presso il Repertorio dei dispositivi medici del Ministero della Salute