Biot.it Utilizza cookies tecnici e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se prosegui nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsenti all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

  

Cookies di terze parti

Il presente sito funge anche da intermediario per cookies di terze parti, utilizzati per poter fornire ulteriori servizi e funzionalità ai visitatori e per migliorare l'uso del sito stesso, come i pulsanti per i social, oppure video. Questo sito non ha alcun controllo sui cookie delle terze parti, interamente gestiti dalle terze parti. In conseguenza di ciò le informazioni sull'uso dei detti cookies e sulle finalità degli stessi, nonché sulle modalità per l'eventuale disabilitazione, sono fornite direttamente dalle terze parti alle pagine indicate di seguito.

In particolare il presente sito utilizza cookies delle seguenti terze parti:

Google Analytics: uno strumento di analisi di Google che attraverso l'uso di cookies (performance cookies), raccoglie dati di navigazione anonimi (IP troncati all'ultimo ottetto) ed esclusivamente aggregati allo scopo di esaminare l'uso del sito da parte degli utenti, compilare report sulle attività nel sito e fornire altre informazioni, compreso il numero dei visitatori e le pagine visitate. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo Ip a nessun altro dato posseduto da Google. I dati trasmessi a Google sono depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. 
In base a specifico accordo con Google, che è designato quale responsabile del trattamento dei dati, questi si impegna a trattare i dati in base alle richieste del Titolare (vedi in fondo all'informativa), impartite tramite le impostazioni del software. In base a tali impostazioni le opzioni pubblicitarie e di condivisione dei dati sono disattive.

Ulteriori informazioni sui cookies di Google Analytics si trovano alla pagina Google Analytics Cookie Usage on Websites

 L'utente può disabilitare in modo selettivo la raccolta di dati da parte di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposito componente fornito da Google (opt out). 

 

Youtube: una piattaforma di proprietà di Google, per la condivisione di video, che utilizza cookie per raccogliere informazioni degli utenti e dei dispositivi di navigazione. I video presenti nel sito non veicolano cookie all'accesso della pagina, essendo stata impostata l'opzione "privacy avanzata (no cookie)" in base alla quale YouTube non memorizza le informazioni sui visitatori a meno che essi non riproducano volontariamente il video. 

cookie: test_cookie .doubleclick.net non è un cookie permanente, ma è utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie.

Per ulteriori informazioni sull'uso dei dati e sul loro trattamento da parte di Google si raccomanda di prendere visione delle informazioni all'apposita pagina predisposta da Google, e alla pagina sulle Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei partner

 

Plugin Social Network

Il presente sito incorpora anche plugin e/o bottoni per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all'accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l'utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l'utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all'uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell'iscrizione al social network.
La raccolta e l'uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook - (link informativa cookie)
Twitter - (link informativa cookie)
LinkedIn - (link informativa cookie)
Google+ - (link informativa cookie). 

 

Trasferimento di dati in paesi extra UE

 Il presente sito potrebbe condividere alcuni dei dati raccolti con servizi localizzati al di fuori dell'area dell'Unione Europea. In particolare con Google, Facebook e Microsoft (LinkedIn) tramite i social plugin e il servizio di Google Analytics. Il trasferimento è autorizzato in base a specifiche decisioni dell'Unione Europea e del Garante per la tutela dei dati personali, in particolare la decisione 1250/2016 (Privacy Shield - qui la pagina informativa del Garante italiano), per cui non occorre ulteriore consenso. Le aziende sopra menzionate garantiscono la propria adesione al Privacy Shield. 

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

News ed Eventi

CAMPI ELETTROMAGNETICI PULSATI: NUOVE APPLICAZIONI TERAPEUTICHE NELLE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI

 Tutte le disfunzioni a carico del cuore e dei vasi sanguigni rientrano nella definizione generale di patologie cardiovascolari, come ad esempio cardiopatie congenite, infarti acuto del miocardio, aritmie, ipertensione arteriosa sistemica, ictus etc. Numerosi sono i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari alcuni più tradizionali come >l’età, il sesso, l’ipertensione arteriosa, il consumo di tabacco e lo stile di vita, l’ipertrofia ventricolare sx, il Diabete Mellito di tipo 2 >ed altri meno tradizionali ma più specifici come l’uremia, l’infiammazione, lo stress ossidativo, la disfunzione endoteliale, la tossicità uremica ecc. Secondo European Cardiovascular Disease Statistics, esse rappresentano la prima causa di morte in Europa (47% delle morti totali) con maggiore prevalenza nei soggetti di genere femminile, con basso livelo socio-economico. Nel 2005 sono stati stimati oltre 4.3 milioni di morti per questa causa e per il 40% si trattava di morti premature sotto i 75 anni di età. 

 Da questi dati, risulta chiara la necessità da parte di medici e ricercatori di indagare in maniera approfondita sulle nuove possibilità terapeutiche e preventive nel campo delle malattie cardiovascolari. In tal senso differenti autori, mediante prove in vitro e in vivo, hanno dimostrato l'esistenza di una certa reattività da parte di cellule endoteliali quando stimolate con un campo elettromagnetico pulsato (pulsing elettromangetic field PEMF). Nel dettaglio come ampiamente dimostrato dalle diverse ricerche scientifiche, il campo magnetico pulsato accelera la guarigione di ferite, accelera il consolidamento delle fratture, migliora il metabolismo ed il contenuto di calcio in donne con osteoporosi, ma allo stesso tempo sono sempre di più le evidenze scientifiche che indicano come gli effetti biologici di PEMF possano contribuire al miglioramento di fattori di rischio come il diabete mellito di tipo 2.

 Il Diabete mellito di tipo 2 è una malattia cronica su base multifattoriale caratterizzata dalla combinazione di resistenza all'insulina periferica e alterata secrezione di insulina da parte delle cellule beta pancreatiche. L’impiego di PESF induce precocemente alcuni interessanti effetti sul microcircolo, sul dolore, sugli edemi e sulla guarigione di ferite difficili in malati con T2DM. Proprio per queste loro qualità le sorgenti fisiche, PEMF e PESF (campo elettrostatico pulsato), possono essere considerate metodi emergenti, ad un tempo complementari ed alternativi. Da anni per ridurre gli episodi trombotici ma non per prevenire la degenerazione sclerotica delle pareti vascolari si è somministrato acido acetil salicilico o più semplicemente aspirina.  Alcuni ricercatori però ritengono che il 40% di T2DM sia parzialmente o totalmente resistente agli effetti protettivi dell’aspirina. Infatti diversi  trials clinici, condotti su un ampio indice della popolazione, ha dimostrato che l’assunzione protratta di aspirina non conferisce maggiori benefici nel gruppo trattato rispetto a quello non trattato. Alcuni autori negano l’esistenza di resistenza all’aspirina e ritengono che la mancata protezione sia attribuibile ad aumentato turnover delle piastrine o ad attivazione Cox-1 indipendente. Allo stesso tempo però è possibile affermare che la ridotta efficacia dell’aspirina (o resistenza all’aspirina) è comunque un fenomeno ben documentato anche se i meccanismi patogenetici non sono ben conosciuti.

Dal momento che la disfunzione endoteliale, direttamente connessa alla presenza del Diabete mellito di tipo II, risulta legata ad una ridotta o assente disponibilità di ossido in pazienti con resistenza all’insulina si consiglia l’uso di farmaci in grado di stimolare l’ossido nitrico sintasi endoteliale (eNOS) per migliorare il quadro clinico. La comunità scientifica, alla ricerca di una tecnica alternativa per aumentare la disponibilità di NO per ridurre la vasocostrizione e normalizzare l’aggregazione piastrinica, ha condotto uno studio specifico sottoponendo un gruppo di soggetti affetti da Diabete mellito di tipo 2 ad un ciclo di PEMF vista la provata sensibilità delle cellule endoteliali allo stimolo di agenti fisici. Nello specifico è stato utilizzato uno stimolo elettromagnetico (PEM) ed elettrostatico (PESF) sottoponendo un gruppo di malati renali cronici in emodialisi, senza e con T2DM, senza e con ulcere difficili agli arti inferiori, ad un ciclo PEMF e PESF. Contemporaneamente è stato condotto un altro studio per confrontare i risultati ottenuti su un gruppo di diabetici prima e dopo assunzione di aspirina. A seguito di entrambi gli studi si è riusciti a costatare che l’aspirina non sembra capace di ridurre l’aggregazione piastrinica quando è in combinazione con agente aggregante a bassa concentrazione mentre con agente aggregante ad alta concentrazione gli effetti dell’aspirina sono più evidenti. 

Lo studio dimostra quindi che gli arti inferiori, in malati nefropatici con T2DM in terapia sostitutiva, hanno un apporto di %SpO2 ridotto e che le sorgenti fisiche sono in grado di migliore tale deficit. Nella pratica clinica, l’impiego di sostanze antiossidanti è ampiamente raccomandato nel caso di malati renali, ma simili approcci non hanno prodotto risultati clinici risolutivi. La tecnica PEMF è una tecnica semplice, non invasiva, non pericolosa, in grado di produrre in tempi brevi risultati positivi documentabili non solo con test di laboratorio ma rilevanti anche da un punto di vista clinico e funzionale. L’aumento di ossido nitrico dimostra non solo che lo stimolo elettromagnetico è in grado di migliorare la disfunzione endoteliale ma che la disfunzione endoteliale risulta reversibile dopo stimolo con sorgenti fisiche.

Fonte: Pubmed

Lorenzo Ghiadoni, AdamascoCupisti, Yale Huang, Paola Mattei, Heloise Cardinal, Stefania Favilla, Paolo Rindi, Giuliano Barsotti, Stefano Taddei, Antonio Salvetti Endothelial dysfunction and oxidative stressin chronic renal failure J NEPHROL 2004; 17: 512-519

Danielle Davidson, Rajik K. Basu, Stuart L. Goldstein, Lakhmir S. Chawla Fluid management in adults and children: core curriculum 2014 American Journal of Kidney Diseases, Vol. 63, Issue 4, pp 700-712, aprile 2014



MEDCAM  ha presentato SaluScienza 2018
Rimanete sempre aggiornati

MEDCAM, Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche, è un progetto che ha lo scopo di creare un trait d'union tra tutte le principali discipline delle Medicine non Convenzionali, la Fisica Moderna e Quantistica, le Neuroscienze e la Biologia, promuovendo in un'unica sede la formazione, la pratica medica terapeutica e l'approfondimento scientifico.

Disclaimer

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.Ex D. lgs 46/1997.

Pertanto Bio-t S.r.l. autorizza i soli professionisti a procedere con la navigazione.

Privacy policy e note legali

Contatti

Bio-t S.r.l. Tecnologie per la Vita

Via A. Baldovinetti n.81
00142 Roma
Tel. +39 06.83086609 - 06.64522661
Fax. +39 06 83391913 - Mob. +39 3278566369 
email: info@biot.it - ingegneria@biot.it
www.enerpulse.it - www.medcam.it
www.inergetix.eu - www.saluscienza.it

Certificazioni

                
Registrati presso il Repertorio dei dispositivi medici del Ministero della Salute